Howdy, Stranger!

It looks like you're new here. If you want to get involved, click one of these buttons!

Categories

Dark Dreams of Furiae - a new module for NWN:EE! Buy now
Attention, new and old users! Please read the new rules of conduct for the forums, and we hope you enjoy your stay!

Nuovo film di Dungeons & Dragons ( menzionato Forgotten Realms )

ShapiroKeatsDarkMageShapiroKeatsDarkMage Member Posts: 2,425
http://www.warnerbros.com/studio/news/warner-bros-pictures-and-hasbro-partner-dungeons-dragons-feature-film-franchise-based

Oh Crom, fa che non sarà una cagata come il film con il tizio pelato di Highlander Endgame e la versione super gigiona di Jermey Irons.

Comments

  • CommanderRpgCommanderRpg Member Posts: 520
    Sempre che venga ultimato, essendo un prodotto su licenza è altamente probabile che possa risultare di scarsa qualità. Le eccezioni in questo campo sono pochissime, prova a pensare a quanti prodotti presi in licenza da un settore (film, videogiochi, giochi, libri) e trasportati in un altro (i corrispettivi) hanno fallito o non sono stati all'altezza. Probabilmente coi libri è molto meno probabile, ma le transizioni film->videogiochi e viceversa sono state assai raramente rosee.

    Questo perché chi ha tra le mani la licenza, difficilmente bada alla qualità del prodotto di cui deve rendere lo spirito, e si concentra invece sul farlo il più possibile al risparmio di risorse e sforzi, e cercare di non farlo completamente orrendo (cosa che solo "Primavera di granito" riesce a incarnare); così facendo si assicura entrate facili dai vari sponsor e in qualche modo fa pubblicità al prodotto originario, cosa che genera altre entrate.

    Il caso del primo film di D&D (ne esiste un secondo, più decente) è particolare. Fu appunto fatto seguendo tutti i crismi (attori di serie secondaria, se si eccettua Jeremy Irons [che comunque non fece un figurone lì]) e col minimo di sforzo nello stendere una trama. A leggerla mi sembrava che avessi potuto scriverla io alla mia seconda esperienza di D&D, pesantemente sotto effetto di alcolici.

    A prescindere da come il film sarà, ci sarà sempre una truppa di affezionati che

    1 - pagherà il biglietto e andrà a guardarselo (per farsi delle grasse risate, se come penso sarà di pessima qualità)
    2 - se lo procurerà illegalmente, per farsi delle grasse risate, idem con patate

    La mia idea su un film ispirato a D&D è che intanto dovrebbe essere una casa indipendente a farlo (diciamo ai bordi tra il semi-professionale e l'hollywoodiano), e soprattutto si dovrebbero scegliere attori non di punta, neanche semi-conosciuti, in modo da favorire l'emergere di nuovi talenti e di dare una scossa al sistema cinematografico, che ormai campa su remake, sequel, prequel e chi più ne ha più ne metta.

  • ShapiroKeatsDarkMageShapiroKeatsDarkMage Member Posts: 2,425
    Io un film di D8D gli darei una ambientazione più peculiari tipo Planescape o Spelljammer invece del solito high fantasy.

  • CommanderRpgCommanderRpg Member Posts: 520
    La scommessa migliore la faresti su un'ambientazione fantasy fatta da zero ;-)

    Mi vengono in mente, in questo senso, degli esempi come prototipo per una nuova

    Mystara
    Greyhawk

    Sono due ambientazioni fantasy molto classiche, senza eccessi da Forgotten o roba sterminata alla Planescape o, ancora, stereotipata come Dragonlance.

    ShapiroKeatsDarkMage
  • ShapiroKeatsDarkMageShapiroKeatsDarkMage Member Posts: 2,425
    Greyhawk potrebbe funzionare. Un adattamento di Temple of Elemental Evil?

  • CommanderRpgCommanderRpg Member Posts: 520
    edited August 2015
    Mi hai frainteso, volevo proprio dire che dovrebbero prendere ispirazione da una di quelle due ambientazioni molto classiche e secche, per farne una completamente nuova. In questo modo il film sarebbe proprio su "D&D" e non su "Forgotten" o "Planescape" o "Dark Sun", se capisci ciò che intendo. ;-)

  • PibaroPibaro Member, Translator (NDA) Posts: 2,989
    Lo vedo come un problema irrisolvibile.
    Se non usano un'ambientazione esistente, è solo un film di avventura fantasy.
    Se ssfruttano una delle ambientazioni esistenti, tutti si focalizzeranno su quelle e il film sarebbe probabilmente criticato da tutti quelli che conoscono l'ambientazione.

    L'unica sarebbe trasportare su film un qualche romanzo di quelli noti, ma anche qui il rischio cagata sfiora il 100%
    Magari una serie su Drizzt o Dragonlance, ma oramai l'idea è già stra sfruttata (game of thrones e Shannara) e costerebbe troppo.

  • CommanderRpgCommanderRpg Member Posts: 520
    edited August 2015
    Pibaro said:

    Lo vedo come un problema irrisolvibile.
    Se non usano un'ambientazione esistente, è solo un film di avventura fantasy.

    "E' solo un film di avventura fantasy". D&D ha una caterva di mostri, incantesimi, termini tecnici e gergali peculiari, registrati e non, di cui non hai idea (*figura retorica, sono sicurissimo che tu ne conosca parecchi*), tutto un cumulo di materiale sfruttabile per un film in un universo completamente nuovo. :smiley:
    Con lo stesso discorso, sarebbe come catapultarsi a 30 anni fa circa, e dire che i romanzi di Salvatore o di Weis e Hickman sono solo romanzi fantasy e non sono per forza collegati con D&D. :lol:

    Sì, è vero, usavano nomi già noti ed esistenti, ma sono nomi d'ambientazione.
    Non può essere così anche con altro materiale che non sia d'ambientazione?
    Mi vengono in mente cose come: "Dardo incantato!", cambion, tiefling, halfling, elfi dorati etc. etc.

  • ShapiroKeatsDarkMageShapiroKeatsDarkMage Member Posts: 2,425
    Per non parlare della cosmologia e dei vari piani.

Sign In or Register to comment.